Un raduno motociclistico

A febbraio mercato due ruote cala del 4,8% (scooter a -29%). Magri (Ancma), pesano i problemi di approvvigionamento

  • condividi l'articolo

La flessione degli scooter (-29,3% a 7.805 veicoli immatricolati) trascina verso il basso il mercato delle due ruote in febbraio. Nel secondo mese dell’anno sono stati registrati 19.558 veicoli (immatricolato + ciclomotori), con un calo del 4,8%. È quanto emerge dai dati di Confindustria Ancma, associazione nazionale ciclo, motociclo e accessori. Nel dettaglio, le moto sono l’unico segmento a chiudere in positivo (+27,7% a 10.528 mezzi targati) e tornano in territorio negativo i ciclomotori, anche se la contrazione è più contenuta (-3,6%) con 1.225 veicoli venduti. «Non un’effettiva battuta d’arresto nella domanda, ma piuttosto anche la conseguenza reale delle difficoltà globali di approvvigionamento e nei trasporti che limitano la disponibilità di prodotto finito», ha detto Paolo Magri, presidente Confindustria Ancma.

Nonostante la battuta d’arresto di febbraio, i primi due mesi dell’anno mantengono un bilancio positivo, con una crescita complessiva del mercato del 3%, pari a 35.046 veicoli registrati. Nel bimestre, prosegue la corsa delle moto, che fanno segnare una crescita del 25,8% pari a 18.290 mezzi immatricolati, mentre il mercato degli scooter paga lo stop di febbraio con una flessione del 18,8% e 13.847 veicoli targati. Grazie all’ottima performance di gennaio, i ciclomotori chiudono il primo bimestre con una crescita del 20, 6% pari a 2.909 mezzi venduti. Rimane sostenuta la crescita dell’elettrico, che nel secondo mese dell’anno immette sul mercato 878 veicoli, facendo segnare un incremento del 32% rispetto a febbraio 2021. Ancora più vigorosa la performance del primo bimestre, con una crescita del 68,1% e 1.939 veicoli registrati.

  • condividi l'articolo
Giovedì 3 Marzo 2022 - Ultimo aggiornamento: 04-03-2022 09:11 | © RIPRODUZIONE RISERVATA