Una fabbrica Porsche

Guerra Ucraina, industria auto tedesca sempre più in affanno: dopo Bmw e VW anche Porsche annuncia pausa produzione

  • condividi l'articolo

STOCCARDA - La casa automobilistica di lusso Porsche è diventata l’ultimo produttore tedesco ad annunciare una pausa temporanea nella produzione, mentre il conflitto in Ucraina ha iniziato a colpire le catene di approvvigionamento per la vasta industria automobilistica tedesca. Da oggi pomeriggio, la fabbrica Porsche di Lipsia dovrebbe fermare la produzione, ha detto un portavoce, almeno fino alla fine della prossima settimana. Circa 2.500 dipendenti saranno trasferiti al «lavoro a tempo ridotto». «Pianificheremo in anticipo per quanto possibile e valuteremo la situazione in tempo reale. Il Gruppo Volkswagen sta guardando gli eventi in Ucraina con grande preoccupazione e sgomento», ha detto il portavoce.

Il Gruppo Volkswagen - la società madre di Porsche - ha annunciato martedì che la produzione nel suo principale sito VW a Wolfsburg avrebbe dovuto fermarsi a causa di problemi di approvvigionamento dovuti alla guerra in Ucraina. I suoi stabilimenti nello stato tedesco della Sassonia erano già colpiti dalla mancanza di cavi. Anche Bmw ha rivelato che la produzione sarebbe stata interrotta negli stabilimenti tedeschi ed europei a causa di problemi di approvvigionamento. Dove, quando e per quanto tempo la produzione sarà interrotta è ancora in fase di esame, ha detto un portavoce. La Bmw si rifornisce di cablaggi dall’Ucraina occidentale. 

  • condividi l'articolo
Mercoledì 2 Marzo 2022 - Ultimo aggiornamento: 04-03-2022 09:12 | © RIPRODUZIONE RISERVATA