. L amministratore delegato del Gruppo Volkswagen Herbert Diess

Volkswagen Group, Diess: «Manterremo sinergia tra i marchi, non ci sono piani per ristrutturarli»

  • condividi l'articolo

WOLFSBURG - Non ci sono piani per ristrutturare fondamentalmente i marchi appartenenti al Gruppo Volkswagen. L’amministratore delegato Herbert Diess lo ha confermato in un’intervista all’agenzia di stampa tedesca Dpa, sottolineando che il gigante dell’ auto sta esplorando modi per aumentare la cooperazione e ridurre la sovrapposizione. Ha spiegato che rimane importante per la più grande casa automobilistica europea sfruttare i vantaggi di costo che vengono con il consolidamento degli aspetti delle operazioni della società tentacolare.

«Con il gruppo di marchi di VW, Seat, Skoda e Volkswagen Veicoli Commerciali, stiamo anche cercando sinergie essenzialmente nelle piattaforme tecnologiche», ha spiegato il manager, indicando il software cross-brand in particolare. Il gruppo Volkswagen con sede a Wolfsburg - che comprende anche marchi premium come Audi, Porsche, Bugatti e Lamborghini - ha anche fatto acquisizioni di aziende IT specializzate mentre cerca di tenere il passo con la digitalizzazione che trasforma l’industria. Tuttavia, quando si tratta di nuove tecnologie, Diess ha sottolineato che «ci sono ancora alcuni argomenti che vogliamo padroneggiare noi stessi», poiché spesso ha più senso logistico in termini di sviluppo e produzione di serie generare un know-how interno.

«Mi ha fatto molto piacere che Porsche si assuma la responsabilità di Bugatti», ha aggiunto Diess a proposito del recente annuncio che una joint venture tra Porsche e il produttore croato di auto elettriche ad alte prestazioni Rimac avrebbe incorporato il marchio Bugatti. Attraverso la sua filiale Porsche, che a sua volta ha una partecipazione in Rimac, il Gruppo Volkswagen sarà ancora coinvolto in Bugatti. Ma, ha concluso Diess: «Ci sono molte più sinergie lì che con VW, dove il marchio era precedentemente basato». Sulla crisi delle forniture dei chip elettronici Diess suggerisce anche che c’è bisogno di un maggiore accordo sui termini di sviluppo e di consegna. Una task force VW ha affrontato i colli di bottiglia e ha imparato alcune cose, ha aggiunto Diess. «Parte della situazione in cui ci troviamo ha a che fare con il fatto che forse non abbiamo prestato abbastanza attenzione ai produttori di semiconduttori», ha detto. «Probabilmente dobbiamo coordinarci più direttamente con i produttori di semiconduttori e prendere anche impegni di volume a lungo termine», ha concluso Diess. 

  • condividi l'articolo
Martedì 3 Agosto 2021 - Ultimo aggiornamento: 04-08-2021 18:02 | © RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti