Wayne Griffiths  neopresidente di Seat dal 1 ottobre scorso con la Cupra Formentor

Wayne Griffiths (Seat): «Cupra Formentor racchiude il dna del marchio. Farà raddoppiare le vendite in un anno»

  • condividi l'articolo

Dal primo primo ottobre scorso Wayne Griffiths, si è insediato nella nuova posizione di presidente di Seat la marca spagnola del Gruppo Volkswagen. Griffiths è sempre stato legato al Gruppo Volkswagen. Ha cominciato nel 1989 in Audi AG, a Ingolstadt. Dopo aver lavorato in Seat tra il 1991 e il 1993, è ritornato nel marchio dei Quattro Anelli, svolgendo diversi incarichi di responsabilità nella divisione commerciale in vari mercati. Nel 2016 Griffiths è stato nominato vicepresidente commerciale di Seat e a gennaio 2019 ha assunto l'incarico di amministratore. Ora da presidente come primo appuntamento si trova al timone del brand impegnato nel lancio del Suv ad alte prestazioni del marchio Cupra.

Ci può raccontare il piano di lancio del Formentor?
«Il lancio di Formentor è fondamentale per lo sviluppo del futuro del marchio CUPRA. Si tratta della prima vettura sviluppata sotto il marchio CUPRA, 100%, racchiude il DNA di CUPRA e rappresenta l’essenza del marchio in termini di design e raffinatezza, ma anche in termini di prestazioni. Con Formentor lanceremo una gamma completa di motori: fino a 7 varianti, dai motori diesel e benzina fino alle versioni ibride plug-in. E oggi abbiamo presentato la versione da 310 CV. L’amplia gamma di motori ci aiuterà a rendere CUPRA Formentor un’auto da volumi in un segmento in crescita e contribuendo a rendere il marchio più visibile sulle strade europee e, si spera, renderà il marchio CUPRA anche più desiderabile, perché penso che CUPRA Formentor è la CUPRA più bella che abbiamo mai realizzato fino ad ora. In termini di rilevanza per il business, condivido alcuni numeri: CUPRA Formentor permetterà di aumentare la produzione dello stabilimento di Martorell di almeno il 10-15% in più, proprio grazie a questo nuovo modello che costruiremo qui, a Martorell.CUPRA Formentor giocherà un ruolo importante nella nostra gamma di prodotti insieme a CUPRA Ateca e a CUPRA Leon. Il prossimo anno rappresenterà il 50% del volume. Penso che ci aiuterà a raddoppiare il volume delle vendite del marchio nel prossimo anno, obiettivo che potremmo raggiungere proprio con il lancio di CUPRA Formentor. E ci aiuterà anche a raggiungere l'obiettivo di arrivare a 1 miliardo di euro di fatturato il prossimo anno».

La strategia del marchio CUPRA è cambiata da quando è stato istituito un paio di anni fa. Potrebbe riassumere qual è il target e la strategia di questo nuovo brand? Come spiegare alle persone in che modo CUPRA è diversa da SEAT?
«È stata una decisione molto importante, per noi, quella di lanciare il marchio CUPRA due anni fa come marchio indipendente. Molte persone pensavano fossimo pazzi per creare un marchio nuovo in un'epoca in cui alcuni brand stavano scomparendo. Invece penso che fosse una cosa giusta da fare e il momento giusto per farlo. In termini di sviluppo e crescita del marchio, da quando l’abbiamo lanciato, tutte le nostre aspettative e piani in termini di vendite… li abbiamo superati. Finora abbiamo venduto oltre 55.000 auto dal lancio del marchio.L'anno scorso abbiamo venduto 25.000 auto, con una crescita del 70%. Quindi, CUPRA sta crescendo molto velocemente. Ora abbiamo allargato la nostra gamma di prodotti e aumentato la nostra ambizione. Penso che fosse ora di andare avanti. Quindi in termini di numeri, la storia fino ad ora è un grande successo. Ma per me la cosa più incoraggiante è il modo in cui viene percepito il marchio, in particolare in Europa, sia in Spagna, Germania, Italia, Francia o Regno Unito. Il marchio viene davvero percepito come un nuovo sfidante, un marchio non convenzionale e le persone capiscono cosa stiamo cercando di fare. Questa combinazione di design e prestazioni e questo posizionamento tra il segmento di volumi (generalisti) e il segmento premium classico sta funzionando. Ora stiamo per compiere un altro grande passo con CUPRA Formentor, con l’introduzione del primo livello di elettrificazione, con le prestazionali versioni ibride, penso che sarà molto importante per il modello. E poi, dando anche segnali di una prospettiva di futuro e facendo vedere verso dove vogliamo camminare con CUPRA, mostrando quest’anno la CUPRA el-Born, la nostra prima vettura completamente elettrica, così come la concept car che abbiamo mostrato al Salone di Francoforte, la nostra CUPRA Tavascan, il nostro sogno per il futuro e per l’elettrificazione di CUPRA. Quindi, abbiamo fatto molto, penso che abbiamo anche ottenuto molto, ma abbiamo ancora molto da fare e anche molto da guardare avanti. Quindi è un viaggio davvero emozionante».

CUPRA è un brand molto giovane: è nato solo due anni fa e Formentor è il primo modello esclusivo. Quanti modelli puoi avere nel 2025?
«I nuovi modelli in arrivo sono ovviamente la CUPRA el-Born. Questo è il nostro prossimo grande passo, che sarà lanciato alla fine del prossimo anno. La CUPRA el-Born è la prima auto completamente elettrica, al 100%. Sarà costruita insieme alla Volkswagen a Zwickau, sulla piattaforma MEB. Quindi questo è il nostro grande passo successivo. Ma prima dobbiamo ovviamente lanciare CUPRA Leon, che è una nuova vettura, con le versioni ibride plug-in CUPRA Leon, CUPRA Formentor, CUPRA el-Born. Quindi, nei prossimi due anni avremo tantissimo da fare con CUPRA Ateca, CUPRA Leon e CUPRA Formentor, e poi l’elettrificazione di el-Born..., penso che il nostro marchio sarà piuttosto impegnato in tutte queste cose. Alla tua domanda: dal 2025 in poi, ovviamente stiamo guardando ad altri progetti, e quei progetti che stiamo guardando e su cui stiamo lavorando da quando abbiamo lanciato il marchio, in pratica, è la CUPRA Tavascan, ovvero l'auto dei nostri sogni: l'auto che vorremmo per fare realtà. E e l’altro progetto su cui stiamo lavorando, concretamente in questo momento è il piccolo veicolo elettrico a batteria per il futuro, insieme al Gruppo Volkswagen sulla piattaforma del Gruppo VW stiamo cercando di fare anche l'auto elettrica per il futuro . Quindi, queste sono le cose che potremmo vedere guardando avanti, ma oggi non posso confermare, né il piccolo veicolo elettrico a batteria né il Tavascan, ma posso confermare che stiamo lavorando a quei progetti».

Ci hai detto che con il Formentor, la produzione di Martorell aumenterà del 10% ed è in piena produzione. Quali sono i sei modelli prodotti all'anno e qual è la produzione totale?
«Martorell è una fabbrica in grado di costruire 600.000 e questo è il nostro potenziale che potremmo fare con i modelli che produciamo qui: Leon, Formentor, Ibiza, Arona e costruiamo, oltre ad Audi A1. La capacità totale dello stabilimento di Martorell è di circa 600.000 vetture, e al momento siamo tornati a livelli davvero elevati. Solo per sua informazione, stiamo producendo 2.000 auto al giorno. Stiamo lavorando su tre turni nella linea dove produciamo Leon e Formentor, e stiamo cercando di estendere i turni su Ibiza e Arona, tutti a seconda della domanda e dell'impatto della crisi del coronavirus sul mercato, ma a al momento siamo abbastanza ottimisti. Settembre si sta rivelando un buon mese, ora chiudiamo settembre e torniamo ai livelli del periodo pre-corona. Quindi le cose stanno andando bene, ma ovviamente ne siamo consapevoli, a seconda dello sviluppo della crisi della corona e del mercato».

C'è la possibilità di aumentare la produzione a Martorell o è al massimo?
«Credo che abbiamo ancora margine e del potenziale, sempre con turni aggiuntivi, oltre ai turni nel fine settimana. Quindi per il momento c’è ancora potenziale, dipende da ciascuna delle line. Lo stabilimento di Martorell è costituito da tre line di produzione. Sulla linea dove vengono prodotte Formentor e Leon siamo già al Massimo, ma penso che in altre aree e line che abbiamo potremmo ancora aumentare la produzione se ci fosse domanda e fosse necessario».

Ho letto che ci sono più auto costruite sulla stessa linea di Formentor, quali sono gli altri veicoli?
«Leon. Cioè CUPRA Leon e SEAT Leon sono montate sulla stessa linea di Formentor. Stamattina ero lì, è bello vedere che ci sono tante CUPRA Leon, CUPRA Formentor, ma anche SEAT Leon che escono dalla linea. Quindi è una vera commistione: un’auto dopo l'altra. Devi immaginare una CUPRA Formentor, e poi hai una SEAT Leon, e poi ci potrebbe essere una CUPRA Leo Sportstourer... Quindi è veramente complessa la produzione, il che costituisce anche una grande sfida per tutti, qui, costruire auto di alto livello con così tanti contenuti: e non solo contenuti tecnologici, ma valore ... e penso che il team stia facendo un ottimo lavoro nel tirare fuori queste auto».

Quante linee hai a Martorell? Due o tre?
«Tre. Una per Ibiza e Arona, una per Leon e Formentor, e una per AUDI»». 

Quando ha descritto il futuro dei modelli CUPRA, in particolare dei modelli elettrificati, non ha menzionato SEAT. Significa che SEAT non avrà una versione elettrificata delle sue auto?
«Abbiamo già iniziato a elettrificare SEAT. La prima auto completamente elettrica è stata la SEAT Mii elettrica e stiamo elettrificando anche il marchio SEAT in linea con ciò che il mercato ci chiede. Quindi abbiamo introdotto versioni mild-hybrid in SEAT, ma anche versioni ibride plug-in sia della SEAT Leon – che lanceremo a ottobre – e anche con SEAT Tarraco, che sarà disponibile come modello ibrido plug-in. Penso che in questo momento siano i modelli giusti per il mercato. Un mercato che è in trasformazione verso l'elettrificazione, ma non credo che questa elettrificazione raggiungerà l’obiettivo del passaggio dal motore a combustione al veicolo elettrico a batteria da un giorno all’altro, perché l'infrastruttura non c'è, l'accettazione del veicolo completamente elettrico non c'è ancora da parte del pubblico generale, per cui penso che il passo con l'ibrido plug-in sarà davvero importante e che SEAT possa davvero trarre profitto da questo nuovo mercato, che il prossimo anno penso sarà enorme. Sono convinto che il più grande mercato del prossimo anno sarà l'ibrido plug-in in Europa a causa degli incentivi offerti dai diversi mercati europei al momento. Anche il veicolo a batteria elettrica crescerà, ma in termini di volume, il grande protagonista del prossimo anno sarà l'auto ibrida plug-in».

L’auto plug-in ha più potenza grazie ai due motori, benzina ed elettrico?
«Buon punto. Stiamo esaminando le prestazioni delle versioni ibride plug-in o plug-in con prestazioni più elevate e penso che il potenziale di collegare l'elettrificazione con la combustione per fornire prestazioni complessivamente più elevate sia possibile, ma penso che la cariante da 245 CV della versione ibrida plug-in sia molto competitiva, molto in linea con la concorrenza e ci sono sicuramente delle opportunità, come ho già ribadito oggi. Potrei immaginare una CUPRA Formentor ancora più potente in future; che possa essere una versione ibrida plug-in o una versione a combustion… staremo a vedere. Ma penso che il potenziale per un’auto con maggiori prestazioni… con CUPRA Formentor è possibile e potrebbe calzare nel mercato, ma che si tratti di un’auto a combustione o di un ibrido plug-in, vedremo».

Il modello a combustione che ora ha più potenza (310 CV) è 4x4 o trazione anteriore?
«È 4DRIVE, che credo sia necessario per un'auto crossover con 310 cavalli di potenza: una trazione integrale unica. Penso che sia importante».

Antonino Labate che vi è vicino, quando ha lanciato il marchio Abarth ha riportato Abarth in competizione. Qual è il piano del nuovo marchio CUPRA per fondare un marchio sportivo, non solo premium? Ha in programma di fare qualcosa di più intenso nelle gare di motorsport?
«Innanzitutto avere Tonino in squadra è una grande risorsa grazie alla sua esperienza con Abarth. Penso che la nostra sfida comune, tuttavia, sia davvero trovare prestazioni sportive e prestazioni in uno scenario a prova di futuro. Il motorsport di 5-10 anni fa è cambiato completamente rispetto a oggi, e noi guardiamo verso il future. CUPRA sarà indubbiamente sempre alla sportività e al motorsport, ma anche ad altri sport. Oggi abbiamo con noi Marc Andre ter Stegen, siamo legati al FC Barcelona,… ma per quanto riguarda il motorsport, penso che dobbiamo trovare un modo per rendere il motorsport rilevante per i clienti CUPRA, che sono la prossima generazione di clienti, quindi dobbiamo offrirgli un motorsport che sia rilevante per loro. Un’attività di motorsport che si svolge in luoghi che suscitano il loro interesse, un motorsport che offra intrattenimento, un motorsport legato al gaming, un motorsport sostenibile e socialmente accettabile in termini di emission, e quindi per questo scomettiamo, stiamo scomettendo e siamo forti, e continueremo a farlo, sul con l’auto da turismo, e stiamo anche scomettendo sul motorsport elettrico e abbiamo due correnti di lavoro: una è il turismo elettrico, dove abbiamo sviluppato una vettura e siamo a lanciare non appena avrà inizio il programma da tursimo elettrico (eTCR).E l'altro grande evento che abbiamo annunciato insieme una settimana fa ad Amburgo è stato il nostro coinvolgimento nella nuova competizione Extreme E, un nuovo format sportivo motoristico che è legato all'elettrificazione e alla sostenibilità, rendendo il mondo consapevole di alcune delle grandi sfide ambientali in corso, ma anche un format che sarà molto entusiasmante, molto divertente e ci darà una grande visibilità. Quindi, abbiamo deciso di prendere parte a quella competizione affiancando il team ABT in Germania. Siamo davvero felici di vedere che lo stesso Lewis Hamilton una settimana fa è andato con una squadra, quindi è proprio in questa direzione che stiamo andando: portando CUPRA a ridefinire il motorsport in un'era elettrizzata, con molto intrattenimento e che sia più rilevante per le future generazioni».

Avete annunciato l’apertura di un nuova CUPRA Garage per vendere Formentor e altri CUPRA, ovviamente. Alla fine del prossimo anno saranno 600, può dirci qualcosa di più sulla rete dei concessionari e se venderete solo in Europa o anche all'estero?
«Il primo CUPRA Garage esclusivo che vende solo modelli CUPRA è stato effettivamente aperto a Città del Messico. Più di un anno fa abbiamo aperto il primo Garage CUPRA; la scorsa settimana abbiamo aperto il nostro primo CUPRA Garage in Europa, ad Amburgo; e seguiranno altri CUPRA Garage nelle principali città europee, laddove la domanda sarà sufficientemente amplia per il nostro prodotto.I 600 punti vendita di cui sta parlando saranno collegati a SEAT, però avremo anche concessionari specializzati che avranno SEAT e, forse altri marchi del Gruppo VW, però specializzati con un’area CUPRA dedicata. Ciò che è importante per me oltre la posizione fisica e la sede, così come l’immagine aziendale del salone, è il modo in cui accoglieremo i clienti, ed è precisamente qui che vogliamo fare la differenza. Perché siamo convinti che le persone facciano i marchi, ed è quest oil motive per cui stiamo scommettendo sul programma CUPRA masters e i servizi offerti, il servizio in senso lato, dalla prevendita, vendita e post-vendita da parte di CUPRA master digitali perfettamente formati, penso sia uno degli aspetti su cui possiamo fare la differenza; dall’altro canto, il processo di vendita: la configurazione online, le offerte online, tutte cose che sono legate in un mix tra il mondo online e il mondo fisico del concessionario.Quindi basicamente stiamo lavorando su questi tre fronti: la creazione di esclusivi CUPRA Garage, la formazione dei CUPRA master per offrire esperienze speciali e, la terza, mettere in piedi i processi di venta e marketing digitale».

  • condividi l'articolo
Mercoledì 21 Ottobre 2020 - Ultimo aggiornamento: 22-10-2020 12:36 | © RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti