La Polo R5 durante un test con la livrea ancora camuffata

WRC, Solberg guida la Volkswagen Polo Gti R5 all'esordio nel Rally di Catalogna

di Mattia Eccheli
  • condividi l'articolo

HANNOVER – Prima contavano le vittorie, adesso il ritorno economico. Il nuovo programma sportivo di Volkswagen è dedicato ai clienti, scuderie incluse, e non più ai piloti professionisti con i quali aveva ottenuto quattro successi iridati consecutivi nel mondiale di rally. La nuova Polo Gti è l'erede della Polo R sviluppata per la nuova stagione, quella del 2017, alla quale non ha mai partecipato.

Uscita dalla porta principale, la nuova vettura entra adesso da quella di “servizio” per sfidare altri modelli, a cominciare dalla Ford Fiesta e dalla Skoda Fabia, con la quale condivide tuttavia alcune "soluzioni", tipo il motore. In versione R5, la Vw Polo Gti debutta nella prova catalana del Wrc, in calendario tra il 25 ed il 28. E al volante ci sarà Petter Solberg, il norvegese già campione del mondo di rally e di rallycross.

La nuova Polo Gti R5 dispone di un motore turbo da 272 cavalli di potenza distribuita sulle quattro ruote. L'unità da rally è frutto di una elaborazione del propulsore da 1.8 litri di provenienza Audi (attualmente commercializzato solo in Cina) ridotto a 1.600 cc. Il prezzo è quello stabilito dalla Fia ed è di 189.000 euro, almeno per la variante “base”. Ma oltre alle varie tasse, per essere competitivi i team devono assicurarsi ulteriori “pacchetti” per un costo totale che arriva verosimilmente a 240.000 per auto.

Nel corso del 2018 è prevista la consegna di 18 macchine, già vendute un anno fa, praticamente poco dopo la presentazione del modello. Già all'epoca uno dei manager di Volkswagen aveva spiegato che era stato registrato un notevole interesse per la nuova Polo Gti. Fino a otto meccanici sono impegnati nella realizzazione delle vetture. A quanto pare sono stati completati da poco i telai numero 4 e 5. Per il 2019 è prevista una ulteriore produzione di fino a 40 modelli. A medio termine Volkswagen immagina la commercializzazione di 250 auto.

Tra i piloti che hanno contribuito alla messa a punto dell'auto ci sono anche Pontus Tidemand, campione in carica del Wrc2, e perfino Marcus Grönholm. Oltre, naturalmente, all'ormai quasi 44enne Solberg che avrà l'onore di guidarla nella gara d'esordio in Catalogna. Lo scandinavo parteciperà al rally con al fianco la navigatrice Veronica Engan, di 10 anni più giovane di lui. La prova di fine novembre sarà la sola in capo a Volkswagen: poi le auto verranno affidate alle scuderie.

  • condividi l'articolo
Domenica 30 Settembre 2018 - Ultimo aggiornamento: 01-10-2018 11:00 | © RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti