La nuova Costa Firenze nel porto di Marghera

Consegnata Costa Firenze, nuovo gioiello di Fincantieri. 135.500 tonnellate può ospitare oltre 5.200 crocieristi

di Antonino Pane
  • condividi l'articolo

GENOVA - Un omaggio al rinascimento italiano e anche una spinta al nuovo rinascimento, quello che dovrà portare l’Italia, l’Europa, il mondo fuori dalla pandemia. Costa Firenze, la nuova ammiraglia di Costa Crociere, è stato consegnata da Fincantieri alla compagnia proprio con questi auspici.  E non a caso Michael Thamm, amministratore delegato del Gruppo Costa  di Carnival Asia e Direttore Generale di Costa Crociere, ha ribadito che proprio la consegna di Costa Firenze è un segno di speranza per tutto l'ecosistema crocieristico e turistico, e rappresenta la testimonianza più tangibile della volontà del Gruppo di ripartire. “Il nostro auspicio - ha detto Thamm - è che le persone possano tornare presto a viaggiare e sempre più navi possano riprendere a navigare, contribuendo al rilancio del turismo in Italia, in Europa e nel mondo. Guardando oltre la pandemia, l'obiettivo di Costa è progettare un futuro sostenibile e a emissioni zero per le crociere. Ci auguriamo che la nostra partnership consolidata con Fincantieri possa portare le nostre aziende a lavorare insieme su una roadmap che ci permetta di raggiungere questo obiettivo ambizioso ma essenziale”.

La nuova ammiraglia presa in consegna da Costa Crociere, compagnia italiana di Carnival Corporation, ha preso ufficialmente in consegna da Fincantieri la nuova nave Costa Firenze, è stata progettata e costruita nei cantieri di Marghera. Grazie ad una stazza lorda di 135.500 tonnellate può ospitare oltre 5.200 ospiti. Costa Firenze è la quartultima nave (ne mancano ancora tre) del piano di espansione di 7 nuove navi per il Gruppo Costa entro il 2023: un piano che ha previsto un investimento complessivo di oltre 6 miliardi di euro. Il design degli interni di Costa Firenze rendono omaggio alla città toscana, culla dell’arte e della cultura Rinascimentali. Gli spazi condivisi riflettono l’armonia di una passeggiata in una strada o in una piazza di Firenze, a cominciare dalla scelta dei colori. Il progetto Costa Firenze ha inoltre prestato particolare attenzione agli aspetti di sostenibilità. Le eccellenti performance ambientali di Costa Firenze sono state riconosciute infatti dal Rina (ente di certificazione internazionale) con la Green Star 3, notazione volontaria che comprende tutti i principali aspetti legati all'impatto ambientale di una nave, per ognuno dei quali prevede requisiti massimi di tutela e prevenzione (rifiuti, acque grigie, acque nere, olio dai macchinari, CO2, ozono, gas serra, particolato, ossidi di zolfo, azoto, acqua di zavorra).

Costa Firenze consolida anche il rapporto tra Costa Crociere e Fincantieri. Basti pensare che con l’arrivo di questa nuova ammiraglia ben 11 navi, delle 14 attualmente in servizio, sono state realizzate da Fincantieri. Due pilastri del made in Italy che meritano l’attenzione massima da parte del governo. Non a caso sia Thamm che Giuseppe Bono, ceo di Fincantieri, hanno richiamato l’attenzione del governo: Costa Crociere e Fincantieri sono aziende che hanno investito stanno investendo sull’ambiente e non possono essere lasciate ai margini degli investimenti previsti con  i  Recovery Fund. “Siamo certissimi - ha sottolineato Bono - che con il portafogli di ordini che già abbiamo, con i nuovi investimenti in tecnologia saremo in grado di restituire al Paese ogni euro messo a disposizione del settore. La situazione finanziaria ed economica di Fincantieri non ha subito significative variazioni rispetto a quanto comunicato nei trimestri precedenti. La società ha dimostrato una resilienza eccellente evitando la cancellazione di ordini e rafforzando la relazione con i clienti del settore crocieristico. Siamo un’azienda in crescita, che ha acquisito una reputazione e credibilità internazionali che ne faciliteranno tale crescita, e possiamo fare affidamento su un orderbook che ci assicura una visibilità di lungo periodo e l’opportunità di aumentare efficienza produttività e marginalità”.

 Costa Firenze, così come la gemella Costa Venezia sarà prevalentemente dedicata al mercato cinese, anche se, da febbraio, navigherà per un po’ nel Mediterraneo occidentale. “Dall’Europa sino all’Asia, il gusto per il bello tipicamente italiano - ha detto Mario Zanetti, direttore commerciale di Costa Crociere e direttore generale di Costa Group Asia - che rappresenta nell’immaginario collettivo mondiale l’arte, il gusto e la raffinatezza italiani. Abbiamo pensato questa nave per offrire ai nostri ospiti un’esperienza unica, in particolar modo per il target delle famiglie, con un’offerta di intrattenimento e servizi dedicata”.

  • condividi l'articolo
Mercoledì 23 Dicembre 2020 - Ultimo aggiornamento: 26-12-2020 16:04 | © RIPRODUZIONE RISERVATA