La nuova DS9

La tecnologia, carta vincente della DS 9. L'ammiraglia ha risorse al top per sicurezza, connettività e assistenza alla guida

di Giampiero Bottino
  • condividi l'articolo

Come si conviene all’ammiraglia di un marchio premium, la DS 9 dispone – o può disporre attingendo al catalogo degli optional – di tutte le risorse tecnologiche al servizio della connettività, dell’assistenza alla guida e ovviamente della sicurezza.

Fedele alla tradizione del marchio, la nuova berlina di lusso attribuisce grande importanza alle sospensioni che ebbero un ruolo fondamentale, capace di fare scuola all’intero mondo dell’auto, nella rivoluzione tecnica avviata 77 anni fa dalla mitica capostipite e ora reinterpretata alla luce dell’evoluzione tecnologica. 

Il risultato è l’Active scan suspension, un sistema capace di “leggere” con la telecamera di bordo la conformazione della strada, trasmettendo al computer che controlla ogni ruota in modo indipendente le informazioni raccolte da una rete costituita da quattro sensori e tre accelerometri. Un dispositivo capace di esaltare il comfort di una berlina di lusso, contribuendo al tempo stesso alla sicurezza e senza rinunciare al comportamento dinamico degno di un’autentica Gran Turismo.

Moderno ed efficiente è poi il sistema Ds Drive Assist che mette a disposizione del pilota un’esperienza di guida autonoma di livello 2. Compatibilmente con le normative vigenti che impediscono di abbandonare il volante per tempi superiori a qualche secondo, questo dispositivo che funziona fino a 180 chilometri orari è in grado di adeguare la velocità alle condizioni del traffico, mantenendo sempre l’auto al centro della corsia di marcia e agendo – sempre sotto la supervisione del guidatore – anche sul volante per seguire l’andamento del percorso.

Il cruise control attivo che funziona a partire dai 30 km all’ora e gestisce la guida in situazioni di traffico intenso riavvia automaticamente il motore per ripartire quando la sosta dura meno di tre secondi. La telecamera di bordo analizza le diverse situazioni di marcia e ha imparato a distinguere tra linee tratteggiate e continue.

Utile anche il Park Pilot che rileva un posto adatto per il parcheggio passandogli accanto a velocità inferiore ai 30 km all’or. Gestisce automaticamente acceleratore, sterzo e freni sia in entrata, sia in uscita dal parcheggio parallelo o a pettine. A completare le tecnologie al servizio della sicurezza provvede il pacchetto DS Safety che comprende sei funzioni tra cui il monitoraggio dell’angolo cieco e del livello di attenzione del conducente e il sistema di visione notturna.

  • condividi l'articolo
Martedì 22 Agosto 2023 - Ultimo aggiornamento: 24-08-2023 10:07 | © RIPRODUZIONE RISERVATA