Led come lame, Peugeot rinnova la RCZ
In arrivo anche la potente versione R

Led come lame, Peugeot rinnova la RCZ
In arrivo anche la potente versione R

di Nicola Desiderio
  • condividi l'articolo

PARIGI - Peugeot gioca da padrona al salone francese dove, oltre a tutte le novità e ai concept proposti, trova il tempo di mostrare la RCZ cui è stata data una rinfrescata accompagnata da un succulento antipasto, decisamente piccante.

Un Leone con le unghie. Nata nel 2010 sulla base dell'omonimo concept presentato tre anni prima, la RCZ è una sportiva vera, eppure ha un bagagliaio tutt'altro che spartano, con 384 litri e persino ampliabile abbattendo il divanetto posteriore fino a 760 litri cui vanno aggiunti altri 30 litri sotto il piano di carico, comodi per riporre piccoli oggetti da tenere nascosti. Le novità estetiche interessano sopratutto il frontale che accoglie i dettami stilistici dei modelli più recenti e il nuovo marchio del Leone. L'aspetto è decisamente più tagliente e sofisticato, anche grazie alle due lame di luce formate da 6 Led per i proiettori diurni. Anche l'abitacolo presenta aggiornamenti di dettaglio come la cornice intorno alla leva del cambio laccata in nero, gli inserti in pelle sui pannelli delle portiere e quelli in alluminio nella zona di congiunzione tra la consolle e il tunnel.

Personalità e personalizzazioni. È nel capitolo personalizzazioni che la Peugeot ha profuso gli sforzi maggiori. Per esempio, la calandra può avere le barrette laccate in alternativa a quelle satinate, le arcate dell'abitacolo possono avere il nero opaco, oltre alle già note tinte alluminio e sabbia e con il Pack Black si può vestire di nero laccato diversi particolari esterni per un aspetto coordinato davvero sofisticato. Ci sono inoltre tre sticker decorativi, 10 cerchi con diametro fino a 19 pollici e 8 tinte per la carrozzeria delle quali Brun Guaranja e Rosso Eritrea sono inedite. Per l'abitacolo poi ci sono ben 12 tipi di rivestimenti tra tessuto, pelle-tessuto, Nappa, pelle bicolore e pelle integrale. Ce n'è per tutti i gusti con un occhio alla sicurezza grazie al sistema automatico di chiamata incluso nel sistema telematico WIP.

I soliti (ottimi) noti. Nessuna novità di rilievo per le motorizzazioni, che sono due a benzina e una a gasolio, ma entrambe turbocompresse ad iniezione diretta e accoppiate con cambi a 6 rapporti. Per quest'ultima, c'è il 2 litri da 163 cv con una coppia di 340 Nm che si segnala per il consumo di 5,3 litri/100 km e le emissioni di CO2 di 139 g/km. Gli altri due sono da 1,6 litri. Il primo ha 156 cv e 240 Nm, inoltre può avere anche il cambio robotizzato mentre l'altro ha ben 200 cv grazie alla distribuzione che, alla fasatura variabile, associa anche la regolazione dell'alzata. Qui la coppia balza a 275 Nm e le prestazioni toccano il culmine della gamma (237 km/h, 0-100 km/h in 7,5 secondi), ma sempre senza esagerare nella sete (6,7 litri/100 km). Per esaltare la sonorità sportiva di questo potente 4 cilindri, c'è il risuonatore Sound System e l'avantreno è dotato di una specifica barra stabilizzatrice.

La R è una concept, ancora per poco. Questo primato tuttavia è destinato a crollare ben presto perché è in arrivo la versione R ispirata agli esemplari che partecipano al campionato monomarca RCZ Racing Cup, con motore 1.6 da ben 260 cv, pari ad una potenza specifica di 160 cv/litro. L'antipasto è Parigi in forma di concept, vestito di un'originale livrea in nero opaco e rame, ma il suo arrivo è sicuro e non si tratterà di sola potenza. L'assetto infatti sarà totalmente rivisto e per scaricare tutta la potenza del motore ci sarà un differenziale meccanico Torsen. La nuova gamma Peugeot RCZ sarà in vendita da gennaio 2013.

  • condividi l'articolo
Mercoledì 17 Ottobre 2012 - Ultimo aggiornamento: 14-06-2017 12:13 | © RIPRODUZIONE RISERVATA