La Cupra Born

Cupra, forte partenza: con Born e Formentor la casa di Barcellona punta in alto

di Angelo Berchicci
  • condividi l'articolo

L’identità di Cupra, dopo la riorganizzazione come brand autonomo da Seat (di cui era il reparto sportivo), si è legata a doppio filo all’elettrificazione. Una scelta che sta dando i suoi frutti, sia in Europa che in Italia: dall’inizio dell’anno nel nostro Paese Cupra è l’unico brand del gruppo Volkswagen a crescere (del 13,8%), mentre nel 2021 ha venduto 6.326 auto per uno share dello 0,43%, un dato di tutto rispetto se si considera che quello scorso è stato il primo anno in cui il costruttore ha potuto contare su una gamma articolata e composta anche da modelli non condivisi con Seat.

Prima fra tutti la compatta elettrica Born, cugina della Volkswagen ID.3, di cui utilizza la piattaforma MEB, i powertrain e gli accumulatori. Importante anche il ruolo della Formentor, crossover di segmento C che arricchisce l’offerta ibrida plug-in della Casa, aggiungendosi alle Cupra Leon berlina e wagon alla spina. I progetti futuri vanno verso un ampliamento della gamma a zero emissioni, con l’arrivo nel 2024 della Tavascan, un suv elettrico ispirato all’omonima concept, che sarà un parente più o meno stretto della Volkswagen ID.4. Sempre la piattaforma MEB, ma in un’inedita configurazione accorciata, sarà alla base anche di un’altra novità, attesa per il 2025: una citycar a batteria ispirata al prototipo Urban Rebel.

  • condividi l'articolo
Venerdì 1 Aprile 2022 - Ultimo aggiornamento: 28-05-2022 14:05 | © RIPRODUZIONE RISERVATA