Tempo record di Lorenzo nei test di Sepang,
Velentino si "nasconde", Yamaha all'assalto

Tempo record di Lorenzo nei test di Sepang,
Velentino si "nasconde", Yamaha all'assalto

di Gianluigi Giannetti
  • condividi l'articolo

Lorenzo c'è. Valentino ci sarà, con dichiarazioni bellicose sulle sue intenzioni per domani, terzo giorno di test Motogp Sepang, mentre Pedrosa e Marquez sembrano quasi rimanere a guardare. La stagione 2015 della massima categoria motociclistica si sta presentando con la novità di distacchi minimi tra Honda, campione del mondo e dominatrice nel 2013 e 2014, e lo squadrone Yamaha, finalmente nelle condizioni di affiancare se non sopravanzare le prestazioni del Campione del Mondo Marquez e dello scudiero di lusso Dani Pedrosa.

Nel secondo giorno di prove, è toccato a Jorge Lorenzo l'incarico di segnare il miglior tempo,1.59.963, unico sotto la soglia dei due minuti, seguito dalla Ducati di Andrea Dovizioso staccata di solo 52 millesimi di secondo, mentre in terza posizione è Marc Marquez (Honda), distanziato di due decimi, addirittura tre il distacco di Pedrosa. La spiegazione ufficiale sta nella sensibilità della Moto alla temperatura e all'umidità, entrambe molto elevate, ma naturalmente c'è da registrare l'impegno dei due piloti, che hanno cercato il tempo, senza riuscirci.

Come prosecuzione ideale rispetto agli ultimi test ufficiali di valencia e novembre a chiusura della stagione 2014, ora il ritardo tecnico tra Yamaha e Honda sembra attenuato sensibilmente, tanto da garantire a Valentino una visuale piacevole sul campionato che sta per iniziare. Oggi Rossi ha segnato il sesto crono dopo Andrea Iannone su ducati, ma ha utilizzato tutta la sessione in pista per testare nuovi componenti, con risultati altalenanti.

«Oggi è stata una giornata più difficile rispetto a quella di ieri. Durante la mattinata ho dovuto combattere con il chattering, vibrazioni alla ruota anteriore che hanno reso la moto più complicata da guidare. Questo mi ha fatto perdere il momento giusto, quando le condizioni erano migliori, per abbassare il mio riferimento. Nel pomeriggio Siamo riusciti ad eliminare il chattering, sono anche riuscito a tenere un buon passo, leggermente migliore di quello di ieri, ma niente di speciale. Il bilanciamento della moto non mi piaceva e non riuscivo a guidare al 100%. Abbiamo provato qualcosa di nuovo, ma non sono mai stato in grado di entrare veloce in curva come ieri».

Poi l'affondo. «Nel pomeriggio vorrei fare un long run, non so ancora su quale distanza, mentre al mattino cercherò il giro secco».

Valentino Rossi sorride mentre Aprilia incontra le difficoltà di un debutto in Motogp ambizioso quanto impegnativo. «Il primo bilancio di questi test è certamente positivo». Parola di Romano Albesiano, responsabile di Aprilia Racing. «Non mi soffermo troppo sul cronometro, non è quello che cerchiamo ora, ma le sensazioni sono incoraggianti. Questi due giorni sono coerenti con una stagione agonistica che abbiamo affrontato con un anno di anticipo, e che ben sappiamo sarà orientata allo sviluppo e all'affinamento di un prototipo competitivo».

Alvaro Bautista, diciassettesimo «si conferma un pilota veloce, e come ci aspettavamo ha un atteggiamento positivo che favorisce il lavoro al box. Marco Melandri»,che ha terminato il secondo giorno di test con il 28/o e ultimo tempo, «sta continuando il suo apprendistato, obiettivamente con qualche difficoltà in più del previsto».

  • condividi l'articolo
Giovedì 5 Febbraio 2015 - Ultimo aggiornamento: 08-02-2015 20:08