Il nuovo logo Aston Martin

Aston Martin, logo evoluto per nuovo posizionamento del brand. Debutto lo scorso weekend in F1 per le rinnovate “mitiche” ali

  • condividi l'articolo

Le ali di Aston Martin spiccano il volo verso la nuova era del marchio britannico ultra-lusso. Lo scopo è sottolineare la nuova posizione dell’azienda come casa costruttrice di vetture ad alte prestazioni e squisitamente appassionanti e incentrata su un’ idea di brand basata sul motto Intensity Driven. La nuova identità creativa si fonda sulla reputazione di Aston Martin di saper combinare l’artigianato di lusso e il design sofisticato con emozioni ad alto numero di ottani e un intenso piacere di guida, come testimoniano i nuovi modelli DBX707, V12 Vantage e Aston Martin Valkyrie. L’iniziativa nasce dal fascino che Aston Martin esercita su un pubblico sempre più ampio, globale e benestante, a cui intende rivolgersi strategicamente il brand, riconfermando i valori fondanti della casa costruttrice. Oltre alla nuova espressione verbale e visiva, questo radicale rinnovamento conferirà anche un tocco contemporaneo al logo alato, creato dai designer Aston Martin in collaborazione con il famoso art director e graphic designer britannico Peter Saville.

Il nuovo logo alato ha letteralmente preso forma dalle sapienti mani degli artigiani del quartiere dei gioiellieri di Birmingham e sarà applicato per la prima volta alla prossima generazione di auto sportive Aston Martin. È il primo importante rinnovamento del marchio dal 2003 e, dalla nascita di Aston Martin 109 anni fa, il logo è stato modificato in modo significativo solo otto volte. Questo weekend, il team Aston Martin Aramco Cognizant F1TM sfoggerà il nuovo logo alato sulla propria livrea in occasione del Gran Premio di Francia. Per celebrare il centesimo anniversario della prima partecipazione del brand al Gran Premio, Aston Martin correrà simbolicamente con la primissima versione del logo sul muso delle vetture, lo stesso che venne usato al primo Gran Premio della casa britannica nel 1922. L’auto di James Bond rischia di fermarsi. La casa automobilistica di lusso britannica Aston Martin intende raccogliere 653 milioni di sterline (772 milioni di dollari) nel tentativo di abbattere il debito, ridurre i costi degli interessi e migliorare il flusso di cassa, ha annunciato venerdì.

Parte del denaro sarà utilizzato anche per creare un «cuscinetto di liquidità» che aiuterà a far fronte alle spese programmate in futuro in un «ambiente operativo difficile», attribuito ai persistenti problemi di consegna dalla Cina a causa della pandemia, alla guerra in Ucraina e alle continue interruzioni delle catene logistiche. Se gli azionisti e le autorità di regolamentazione approveranno, la società prevede di rendere disponibili 23,3 milioni di nuove azioni ordinarie, al costo di 3,35 sterline l’una. L’obiettivo è raccogliere 78 milioni di sterline, che rappresenterebbero circa il 16,7% del capitale del gruppo. Se portata a termine, l’emissione di capitale dovrebbe aiutare la società a raggiungere un fatturato annuo di 2 miliardi di sterline e un utile prima degli interessi, delle imposte, del deprezzamento e dell’ammortamento di 500 milioni di sterline, entro l’anno fiscale 2024-25.

  • condividi l'articolo
Martedì 2 Agosto 2022 - Ultimo aggiornamento: 03-08-2022 10:26 | © RIPRODUZIONE RISERVATA