LoJack, localizzazione e emergency call sono le tecnologie più richieste dagli automobilisti

LoJack, localizzazione e emergency call sono le tecnologie più richieste dagli automobilisti

  • condividi l'articolo

VERONA - Gli automobilisti italiani iniziano a sperimentare concretamente i vantaggi in termini di sicurezza e comfort legati all'uso delle auto connesse. I servizi più apprezzati sono quelli che forniscono supporto pratico a veicolo e driver; su tutti, l'assistenza per la manutenzione periodica, per i guasti meccanici o in caso di incidente: un automobilista su tre, inoltre, è pronto già oggi a sostenere un costo extra per averli.

Sono questi i principali risultati della ricerca 'La telematica al servizio dei dealer' presentata da Massimo Ghenzer, presidente di LoJack Italia, la società americana parte del colosso della telematica CalAmp, nel corso dell'Automotive Dealer Day, l'evento europeo di riferimento per gli operatori del settore automotive in corso presso la Fiera di Verona.

Lo studio ha indagato il grado di interesse degli automobilisti per i servizi telematici più diffusi a bordo delle vetture. In generale i servizi telematici più richiesti sono risultati quelli di assistenza al veicolo: in particolar modo la localizzazione della vettura (72% delle preferenze), che consente non solo di tutelarsi contro eventuali furti, ma anche di rilevare con esattezza la sua posizione e l'assistenza tempestiva (24 ore su 24), che in caso di anomalia della vettura consente al concessionario di intervenire a supporto del driver localizzandolo e inviando il soccorso stradale se necessario, indicata dal 51% del campione. Al terzo posto, tra le funzioni di mobilità avanzata più apprezzate, c'è l'assistenza e il supporto in tempo reale in caso di incidente o furto (49%).

Che la sottrazione dell'auto continui a rappresentare una delle principali paure per gli italiani appare evidente anche dal fatto che il 43% dei driver indichi come funzione strategica anche la protezione della vettura connessa (indicata dal 43% del campione) quando si trova nelle aree a rischio, grazie a un sistema di segnalazione di eventuali movimenti non consentiti.

Una percentuale significativa (35%) di automobilisti ritiene invece decisiva la possibilità di consultare telefonicamente in caso di malore o incidente uno staff di medici all'interno della Centrale Operativa. Chiudono la classifica, le funzioni di infotainment per il driver: la possibilità di verificare i percorsi (indicato dal 44% del campione), il parental control con cui monitorare ad esempio il superamento dei limiti di velocità (30%) dei propri familiari, la disponibilità del wi-fi a bordo (26%) e il controllo del proprio stile di guida (22%). A fronte dell'elevato interesse per le diverse funzionalità a bordo delle connected car, un driver su 3 è disposto a pagare i servizi, mentre il 66% si aspetta che vengano inseriti dal concessionario tra i servizi acquistati insieme all'auto.

  • condividi l'articolo
Sabato 26 Maggio 2018 - Ultimo aggiornamento: 27-05-2018 14:19 | © RIPRODUZIONE RISERVATA