Lorenzo a terra dopo la caduta ad Aragon

GP Aragon, Furia Lorenzo su Marquez: «Sono impotente e arrabbiato. Vediamo se posso correre in Thailandia»

  • condividi l'articolo
MOTORSPORT

ARAGON - «Sono impotente e arrabbiato per quello che è successo, con il sorpasso di Marquez non ho potuto affrontare la curva come avrei voluto». Dopo il Gp di Aragon che lo ha fisco cadere subito dopo il via Jorge Lorenzo sfoga tutta la sua rabbia sul compagno di squadra futuro Marc Marquez. «Ho dovuto allagare, entrare nella zona sporca dove ho aperto il gas per non perdere troppo terreno e sono caduto - racconta Lorenzo - Vediamo se posso correre in Thailandia. La cosa che mi fa arrabbiare è che da fuori non si vede la manovra. Il suo è stato un sorpasso con blocco e per non perdere le posizioni ho dovuto dare potenza. Guardando le immagini sembra che sia colpa mia, un mio errore, ma non è così».

«La mia gara - aggiunge il pilota della Ducati - è stata rovinata, come la mia possibilità di vincere. La fine del campionato adesso non sarà facile. Spero solo che Marc adesso venga ad accertarsi delle mie condizioni fisiche e a chiedere scusa. Non deve farlo più, senno sarò costretto a cambiare anche io il modo di guidare». Lorenzo, in stampelle dopo la visita al centro medico e a zero punti a fine gara, scivola al quarto posto in classifica generale. Dislocazione dell’alluce e microfrattura al piede della gamba destra (metacarpo) dice il referto e il prossimo GP della Thailandia in forse.

La gara al MotorLand di Lorenzo si è chiusa con una caduta alla curva 1 pochi secondi dopo lo spegnersi del semaforo. Per il maiorchino del Ducati Team, che iniziava la sua prova dalla pole position, un disarcionamento dalla sua DesmosediciGP in piena frenata e, come detto dallo stesso numero 99, successivo ad un attacco di Marquez (Repsol Honda), poi vincitore.

  • condividi l'articolo
Lunedì 24 Settembre 2018 - Ultimo aggiornamento: 12:04 | © RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2018-09-24 16:06:32
a me è sembrato che spazio ci fosse ma col motore che ha la ducati devi stare accorto ad aprire il gas. insomma un sorpasso come tanti, se ti accontentavi restavi in piedi e te la giocavi come ha poi fatto dovizioso