Mercury 450R

Mercury, ecco il nuovo re sul trono dei fuoribordo: il 450R. Super motore V8 turbo Racing

di Sergio Troise
  • condividi l'articolo

GENOVA - I motori fuoribordo stanno conoscendo una nuova vita nella parte alta del mercato nautico: i progettisti di barche e di gommoni di dimensioni importanti non sono più condizionati dall’esigenza di montare esclusivamente motori entrobordo. Tutt’altro. Si è diffusa e va consolidandosi sempre più l’abitudine a dotare anche le imbarcazioni più grandi di motori fuoribordo, in modo da guadagnare spazio all’interno della barca, riducendo, nel contempo, costi di acquisto e manutenzione. Una svolta vera e propria, che ha costretto i produttori di fuoribordo a darsi da fare nella ricerca di potenze sempre maggiori.

Si spiega così l’escalation di cavalli e la diffusione delle triple e persino quadruple (in alcuni casi sestuple) motorizzazioni a bordo di maxi gommoni e di yacht insospettabili. Una tendenza consolidatasi dapprima negli USA, primo mercato nautico del mondo, e ora in forte sviluppo anche in Europa. Se ne è avuta conferma al Salone di Genova, dove il colosso americano Mercury ha presentato il nuovo motore V8 Racing 450R, il più potente tra quelli disponibili oggi sul mercato italiano.

E’ un motore di 4,6 litri sovralimentato con compressore volumetrico, che adotta molti componenti e molte soluzioni sperimentate con successo sui più piccoli Verado 6 cilindri da 400 e 350 cv: ciò ha favorito il contenimento del peso (con appena 313 Kg viene stabilito il primato nel rapporto peso/potenza per motori da 400 cv in su), nonostante l’introduzione di soluzioni sofisticate per il raffreddamento, come il doppio intercooler e un radiatore dell’olio per il compressore, cui si somma una valvola che regola il flusso dell’acqua di raffreddamento in base al regime di giri. Secondo le informazioni fornite dalla Casa, il nuovo V8 assicura il 40% di coppia in più rispetto al motore 400R: una performance notevole, che lascia immaginare rendimenti sorprendenti anche su barche di una certa stazza.

L’elevato livello di tecnologia emerge anche da altri dettagli mirati all’ottimizzazione complessiva, e tra questi sono stati ricordati, nella presentazione al Salone di Genova, i perfezionamenti che hanno interessato il doppio albero a camme in testa, le valvole, l’iniezione indiretta, la riduzione della rumorosità. L’elevato grado di sofisticazione ha interessato anche il piede, progettato per essere proposto in due versioni: la Sport Master, adatta a velocità dell’ordine di 70 nodi, e la “normale” per un uso diportistico meno estremo. Possibile scegliere tra eliche diverse, in base all’uso che si fa dell’imbarcazione motorizzata con il Mercury 450R. In proposito viene ricordato che “ogni singola elica è equilibrata e misurata per garantire prestazioni sempre costanti”.

Ma il discorso è più ampio, e investe la tecnologia Transient Spark di Mercury, che consente soluzioni sofisticate, come l’anticipo di fasatura pre-programmato e mirato all’ottimizzazione della coppia. “Il controllo di velocità adattivo con la calibrazione personalizzata Mercury Racing – spiegano i tecnici della casa americana - mantiene automaticamente il regime del motore indipendentemente dalle variazioni di condizioni o di carico”. Ciò vuol dire non avere problemi di regolazione nelle variazioni di rotta repentine, in acque agitate, nelle virate strette, nella traina sportiva, in planata.

E ancora: nella presentazione al Salone di Genova è stato spiegato che “il nuovo 450R è compatibile con i comandi Mercury Racing Zero Effort Digital o con qualsiasi sistema di controllo digitale Mercury Marine in grado di gestire fino a sei fuoribordo con un’unica leva”. Tra gli optional è disponibile il Joystick Piloting, che assicura un controllo della barca in punta di dita a 360 gradi per l’ormeggio e le virate strette. Non mancano la funzionalità di ancoraggio Skyhook e il pilota automatico integrato. Tecnologia a parte, il nuovo super motore Mercury è disponibile nelle colorazioni nera o bianca, a scelta del cliente, con prezzi a partire da 58.000 euro (Iva compresa).


 

  • condividi l'articolo
Sabato 28 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento: 01-10-2019 10:55 | © RIPRODUZIONE RISERVATA