La Maserati MC20 Cielo

Maserati MC20, il Cielo si apre. Il programma Folgore è al decollo, Intanto la sportiva si scopre

di Piero Bianco
  • condividi l'articolo

Sospesa tra due mondi opposti, quello della tradizione sportiva e la nuova frontiera della mobilità sostenibile, Maserati ha avviato una calibrata e virtuosa transizione. Senza rinunciare – per ora – alla passione pura. È quella trasmessa da vetture straordinarie come la MC20 Cielo, gemella spyder della supercar che due anni fa inaugurò la svolta tecnologica del Tridente. Sarà l’ultima ad “arrendersi” all’era delle batterie, esaltando ancora per qualche anno prestazioni e sound del suo cuore pulsante: il motore Nettuno V6 a benzina 3.0 biturbo che sviluppa 630 CV e 730 Nm. Adotta tecnologie derivate dalla F1 e può spingere la variante scoperta della MC20 fino a 324 km/h, con spunto da 0 a 100 in 3” grazie anche all’eccezionale rapporto peso/potenza.

Il cielo si può ammirare non soltanto viaggiando en plein air, ma anche a capote chiusa grazie all’inedita tecnologia Polymer Dispersed Liquid Crystal: sfiorando il display si invia un impulso elettrico ai polimeri contenuti nel cristallo e in meno di un secondo la superficie opaca diventa trasparente (o viceversa), continuando a filtrare i raggi Uv fino al 96%. La nuova supercar interpreta perfettamente le due anime contrapposte del brand. Dal 2025, infatti, la MC20 Cielo si proporrà anche con una versione full-electric e sarà il momento di archiviare un lungo capitolo di storia. Perché le Maserati non sfuggono alle tendenze: sono destinate a diventare tutte elettriche, come previsto dal programma Folgore.

Il tuffo nella sostenibilità riguarda anche il nuovo Suv Grecale, che ha imboccato la via dell’elettrificazione con una formula di ibrido evoluto. È disponibile in tre versioni: GT spinta da un 4 cilindri a benzina mild hybrid a 48Vda 300 cv, Modena con lo stesso motore Mhev da 330 Cv e Trofeo, l’unica versione non elettrificata dotata di un V6 benzina 3 litri da 530 Cv derivato dal motore Nettuno della MC20. Sempre a cavallo tra i due mondi (tradizione e futuro) la gamma sarà completata il prossimo anno dalla variante Full Electric che utilizzerà la tecnologia a 400 Volt. Grecale Folgore sarà anche in assoluto la prima vettura elettrica nella storia del Tridente.
È dunque il primo tassello di un puzzle tecnologico che proietta il brand nella nuova mobilità. Ma c’è molto altro all’orizzonte: un piano strategico, nuovi modelli, investimenti. Il futuro ruota proprio intorno al progetto Folgore. «Saremo il primo marchio italiano di auto di lusso a realizzare vetture completamente elettriche», ha spiegato il Ceo Davide Grasso.La grande sfida prevede, dopo la versione a batterie di Grecale, la nuova GranTurismo che sarà anche la prima Maserati nata elettrica al 100%. «È un’icona – ha ribadito Grasso - che offrirà soluzioni tecniche d’avanguardia derivate dalla Formula E, prestazioni di assoluto rilievo, comfort ed eleganza. I clienti sono cambiati, come diverso è oggi anche il concetto di lusso: non solo pelle e radica, ormai sul cruscotto e sotto pelle devono operare tecnologie digitali moderne e sofisticate». 

La GranTurismo (prodotta a Mirafiori) si è già svelata con un discreto camouffage al Gran Premio romano di Formula E, verrà presentata a fine anno e debutterà sul mercato nel 2023, seguita dalla gemella GranCabrio.Tutte le Maserati avranno almeno una versione alla spina entro il 2025. Oltre alla super sportiva, la nuova Quattroporte e la seconda generazione del Suv full-size Levante, che completeranno l’offerta Folgore per attrarre il nuovo “luxury consumer” in ogni segmento. Tutti i nuovi modelli Maserati (sei nei prossimi tre anni) saranno sviluppati, ingegnerizzati e prodotti al 100% in Italia e adotteranno sistemi con propulsione elettrica in grado di fornire elevate prestazioni. Oltre ai tre poli industriali di produzione (Torino, Modena e Cassino dove nasce Grecale) il Tridente si avvale della creatività del territorio d’origine: proprio a Modena, dove vengono prodotte le MC20, opera anche un centro ingegneristico e stilistico esclusivo. Sul fronte ecologico, va ricordato che Ghibli e Levante sono già disponibili anche in versione ibrida. 

  • condividi l'articolo
Giovedì 30 Giugno 2022 - Ultimo aggiornamento: 11-07-2022 16:17 | © RIPRODUZIONE RISERVATA